24 marzo 2017

PAESE D'ARGILLA. La storia di un bel paese violentato e strappato in tanti pezzi vaganti nelle pagine di libri e giornali. Una storia del fu bel paese che i posteri non riusciranno a decifrare e rimettere insieme i tasselli delle bellezze intellettuali e naturali che ha visto nascere e produrre opere geniali che hanno invaso il mondo. Per darne un giudizio dovranno operare delle cesure su quel futuro prossimo che oggi noi tristemente prefiguriamo. Se non ricuciamo le nostre ferite riappropriandoci della memoria delle nostre donne e dei nostri uomini che hanno scritto una civiltà di parole e fatti. Quella civiltà di pietra dura che da decenni hanno abbattuto rimodellandola con l'argilla


Il paese d’argilla. Anno 2306 (gita scolastica)


“Qui sorgeva un paese antico, terra di battaglie e di grandi saccheggi, terra di passaggio, terra dell’equivoco, terra dell’immagine, terra del compromesso.  Adesso   vedete solo sabbia e ruderi, ma posso assicurarvi ch’era un posto bello, forse troppo bello per rimanere intatto.   Molti di voi ne avranno sentito parlare, come il  paese d’argilla e,  forse,  hanno le loro ragioni.
No! Non  si può liquidare la storia di un paese con un due parole, sarebbe troppo comodo.  Diede i natali a tante figure leggendarie, a personaggi illustri e grandi artisti, diede i natali a uno dei più grandi geni  di tutti i tempi, riconosciuto in tutto il mondo:  Leonardo Da Vinci.  Ancora oggi, la sua genialità è a servizio del’arte e della scienza.
Qui,  c’erano tante chiese, troppe chiese . Come storia insegna, l’uomo indotto a pregare un immaginario creatore, non sarà mai in grado di capire, di captare,  il probabile aguzzino in carne e ossa.  Ormai è cosa nota, siamo gli unici esseri viventi capaci di distruggere noi stessi,  le nostre terre, siamo capaci di  inquinare mari , aria e cervelli. L’uomo è una scienza distruttiva e  l’Italia rappresenta  la storia dell’uomo nel meglio e nel peggio.
Rappresenta la speranza per chi crede sia dovere degli altri,  cambiare  il  proprio destino, magari un dio o un suo discepolo  fidato.  Rappresenta la rabbia repressa, la rabbia frenata dalle sirene della bella vita, la rabbia tenuta al guinzaglio come un cane piccolo e rissoso, ma mai troppo cattivo.  Qui, c’era bella gente, il popolo sapeva amare e s’affidava ora a un traditore, ora a un mercenario. Bastava poco per farlo innamorare, arrabbiare, impaurire.  Bastava un tg, un programma tv, una partita di calcio  per  deviare i loro sentimenti, per indirizzare il loro odio e le loro passioni.  Sono in molti a parlar  male di questo paese,  eppure fu  meta ambita di  tutti i sognatori. Il vento della storia regalò a questo popolo un signore basso, pelato e troppo stupido per essere citato.  Prima di questo idiota, era un paese suddiviso in tanti piccoli stati, al sud c’era un regno pittoresco, la cui storia è stata riscritta, da chi s’impose per distruggere tutto. In realtà, l’Italia non diventò  una nazione unita.  Pareva “incollata con la colla”. A nulla servì l’Unità d’Italia, se non ad accendere nuovi rancori.   Lo chiamarono Risorgimento.
Pensate:  secoli prima, questo popolo fu l’orgoglio del mondo, dell’arte, della scienza, della medicina,  con il Rinascimento,  periodo  del Da Vinci già citato.  Il Risorgimento, invece,  voleva  stringere i tempi, forzando la naturale  crescita del  popolo.
Del resto il sud di questo paese stava bene, non aveva bisogno di coesione. Decisero tutto dall’alto,  decisero dal Nord Europa, decisero i colonialisti più bellicosi, con secoli e secoli di storia dedicata all’aggressione, alla guerra non dichiarata, al tradimento.
Pian, piano, venne fuori il carattere nebuloso, scontroso, una generazione completamente diversa, plasmata ai canoni di una dittatura esigente, capitalista, forse troppo fuori di senno.
L’Italia era un paese d’argilla, una fortezza espugnabile, ma anche  il baricentro di un tempo bastardo. Questo paese era destinato a cavalcare il regresso storico, con la materia che, oggi,  studiamo come esempio di distruzione: il capitalismo.  Potrei parlarvi tutto il giorno di questo popolo, di questo pezzo di mondo strabiliante, ma poco amato dai suoi figli e qui, sarebbe opportuno fermarsi.  L’Italia fu tenuta insieme in mal modo, poi  venne  presidiata dalle fonti della sottocultura occidentale.   In  pochi anni, cementificarono ovunque, anche nei posti impossibili, vicino a fiumi, a laghi.  Ogni volta che l’uomo cerca di sovrastare la natura sta fissando la data e l’ora della sua condanna, ricordatelo sempre e per sempre, cari ragazzi.
L’Italia  non seppe conservare l’immenso patrimonio storico-culturale e si affidò a chi non ne aveva.  Questa è una delle tante verità che il mondo vecchio non riusciva a comprendere. Oggi è tutto cambiato, ma ogni cambiamento parte dalla sorte di questo popolo, vissuto tanto tempo fa. Certo, rimangono delle scie,  ma non il profumo della poesia, che in questi posti brillava, saltava e saliva fino a illuminare l’intero corso della storia, del mondo vecchio.   L’Italia divenne una nazione arida, secca e fu  abbandonata  al suo corso, lasciata in mano agli opportunisti, quelli che noi, oggi, mandiamo processiamo in pubblica piazza e mandiamo in esilio forzato. L’analisi storica finisce qui, i paradossi del vecchio mondo li studieremo in seguito.
Se non ci fosse stato questo paese d’argilla, mai sarebbe nato il mondo nuovo.
Antonio Recanatini
Poeta, scrittore.
La sua poesia è atta a risollevare il sentimento della periferia, all’orgoglio di essere proletari
e anticonformisti.
Collaboratore redazionale di Lavoro e Salute www.lavoroesalute.org
20/3/2017

25 febbraio 2016

dire, fare Rifondazione

Notiziario online del PRC-Sinistra Europea

Dire fare Rifondazione – Numero 0 febbraio 2016


22 settembre 2014

Costruire l’opposizione al governo Renzi, unire la sinistra, rilanciare il Partito della Rifondazione Comunista. Documento approvato dalla Direzione nazionale del PRC del 19 settembre 2014 -


Nelle ultime settimane e negli ultimi mesi assistiamo ad una più sempre preoccupante escalation a livello globale. E’ il segno di come la crisi economica porti con sè una profonda ridefinizione dei rapporti geopolitici a livello internazionale, con una crisi dell’egemonia del blocco imperialista occidentale e l’ascesa delle nuove potenze che, con il recente incontro dei Brics, hanno definito un livello ulteriore di integrazione politico economica.
La situazione in Ucraina, Iraq e Siria, Libia, la recente nuova aggressione israeliana a Gaza e al popolo palestinese, l’aumento delle tensioni nel sud est asiatico, sono i segnali di una preoccupante e generalizzata tendenza alla guerra.
In particolare in Ucraina, gli Usa e l’UE continuano nell’opera irresponsabile e guerrafondaia di sostegno al governo di Poroshenko e dei suoi alleati neonazisti, puntando ad una integrazione dell’Ucraina nella Nato e ad una nuova strategia anti russa approvata nel recente vertice del Galles, fatta di sanzioni e accerchiamento economico militare, che rischia di portare ad un punto di non ritorno. Il PRC condanna la politica di Ue e Usa di deliberato sostegno alla guerra lanciata dal governo ucraino contro le popolazioni del sud est ucraino, la politica di sanzioni alla Russia e di annessione a Ue e Nato dell’Ucraina. Solo un’Ucraina federale, libera dalle forze neofasciste e fuori dalla Nato può rappresentare la base di una soluzione politica alla crisi in atto, Esprimiamo la nostra solidarietà ai movimento antifascisti ucraini e al partito comunista ucraino che in questi mesi si oppongono al fascismo e alla guerra. Sosteniamo le iniziative come la carovana antifascista lanciata dalla “Banda Bassotti” e le mobilitazioni per la pace e contro la guerra di queste settimane.
In Medio Oriente la strategia del caos costituente, applicata da oltre un decennio dagli Usa, sta portando ad una diffusa e crescente instabilità, in Iraq come in Libia, e al consolidamento dei movimenti reazionari come l’Isis. Questo è il frutto delle politiche imperialiste, ed è ipocrita la nuova coalizione lanciata in queste ultime ore. Una coalizione senza alcun mandato delle Nazioni Unite, di cui fanno parte gli stessi regimi reazionari del golfo come Qatar e Arabia Saudita, la Turchia, che sono i primi responsabili del sostegno logistico, militare e organizzativo alle forze islamiche reazionarie nell’area. Con la scusa della guerra contro l’Isis, in realtà gli Usa rilanciano i loro obiettivi strategici regionali, di un alleanza con le forze reazionarie per produrre il cambio di regime in Siria, riprendere il controllo dell’Iraq e isolare l’Iran. Lo stesso sostegno ai curdi avviene solo nei confronti di quelli irakeni, mentre il PKK, che è in prima fila nella lotta contro l’oscurantismo islamista dell’Isis è inserita nella lista delle organizzazioni terroristiche. Per isolare l’Isis va interrotto il sostegno che avviene da parte di Qatar, Arabia saudita e Turchia attraverso la Siria, che invece viene rafforzato e ribadito attraverso fantomatici gruppi ribelli moderati. Esprimiamo il nostro sostegno alle forze kurde del YPG e proponiamo di costruire una campagna a sostegno del PKK, delle esperienze di autogoverno Curde in Siria e per la liberazione del compagno Ocalan.
In Palestina la nuova aggressione israeliana ha prodotto una nuova strage con migliaia di vittime innocenti e danni incalcolabili. Rimangono irrisolti tutti i nodi della decennale guerra. Il problema è e rimane l’occupazione israeliana, la sua politica di apartheid e violazione dei diritti umani dei palestinesi, a cui contribuisce il colpevole silenzio di Usa e Ue. Sosteniamo la campagna BDS di boicottaggio dei prodotti israeliani, per la fine dell’occupazione, per il diritto del popola palestinese al proprio stato , con Gerusalemme est come capitale, per il diritto al ritorno dei profughi, secondo quanto previsto dal diritto internazionale. Va isolato il governo reazionario israeliano e la sua politica di colonizzazione e di negazione dei diritti palestinesi, attraverso la revoca degli accordi di cooperazione commerciale e militare di Ue e Italia. Va rilanciata la campagna per la liberazione di Marwan Barghouti, Amhed Saadat e dei prigionieri politici palestinesi, per favorire quell’unità palestinese difficilmente raggiunta e che l’aggressione israeliana voleva compromettere.
Il PRC è impegnato al successo e alla partecipazione alle manifestazioni di Firenze il 21 settembre contro tutte le guerre e di Roma il 27 settembre il con il popolo palestinese. La lotta contro la guerra è una priorità di questa fase politica internazionale. Per la pace, contro la NATO e l’imperialismo, sono le parole d’ordine con cui partecipiamo, in quanto la guerra non è un caso della storia, ma il prodotto concreto delle politiche imperialiste di questi anni e della crisi della globalizzazione capitalista.
Costruire l’opposizione al governo di destra
In Italia, l’obiettivo di Renzi di abolire l’articolo 18 e distruggere lo Statuto dei lavoratori per decreto, riassume più di ogni altro elemento la fase politica attuale.
Pochi mesi fa Renzi si è presentato come il nuovo uomo della provvidenza in grado di risolvere la crisi italiana. Al contrario il governo ha proseguito le politiche di austerità che producono e aggravano la crisi sociale ed economica. Come se non bastasse Renzi –sempre sbandierando la discontinuità – ha contribuito in modo decisivo
a dar vita ad un esecutivo europeo iperliberista, più filo tedesco di prima e guerrafondaio

Il vero salto di qualità Renzi non lo produce nell’uscita del paese dalla crisi ma nell’utilizzo della crisi come scusa per demolire la democrazia e i diritti dei lavoratori. In piena sintonia con Berlusconi, in nome della lotta alla casta vuole impedire ai cittadini di eleggere i senatori e varare una legge elettorale peggiore del porcellum. Così come in nome della lotta alle diseguaglianze vuole abolire i pochi diritti che rimangono a chi lavora, mettendo tutti i lavoratori in condizioni di parità: nella situazione peggiore.
Le politiche di Renzi, denominate “riforme strutturali” costituiscono in realtà la nuova fase dell’offensiva neoliberista decisa a livello europeo tra tutti i governi dell’Unione: dopo i tagli al welfare arriva la cancellazione dei diritti dei lavoratori, della democrazia, e le privatizzazioni. Non a caso il paese che viene additato come modello è la Spagna, che in questi ultimi anni ha introdotto piena libertà di licenziamento: quella che vogliono raggiungere anche in Italia. Nel disegno politico di Renzi si sommano dunque prosecuzione delle politiche neoliberiste , una spiccata tendenza al regime con la compressione della democrazia, la distruzione del sindacato e la sistematica ricerca di un consenso passivo fondato sul rapporto diretto capo/masse, e favorito da un utilizzo pervasivo dei mezzi di comunicazione di massa televisivi.
Quando Renzi si presenta come il leader di tutto il popolo fa infatti leva sul senso comune accumulatosi nel paese negli ultimi 20 anni, sommando il peggio del berlusconismo e dell’antiberlusconismo in una miscela antidemocratica che si nutre e alimenta la passivizzazione sociale. E’ infatti evidente che il senso di impotenza che rappresenta il tratto essenziale della condizione popolare oggi è il punto fondamentale su cui fa leva Renzi per proporsi come uomo della provvidenza.
L’assenza di una reazione sociale visibile al grave attacco ai diritti dei lavoratori e delle lavoratrici costituisce per ora la caratteristica fondamentale e peggiore della situazione italiana. Dobbiamo quindi operare con determinazione e intelligenza per trasformare il disagio sociale passivizzato in una vivace opposizione politica e sociale alle politiche del governo Renzi e dell’Unione Europea.
Il compito di Rifondazione: costruire una soggettività antagonista, di alternativa
Il principale problema politico di questa fase consiste quindi nella costruzione di soggettività antagonista: sociale, sindacale, culturale, politica. Una soggettività determinata quanto unitaria: per indicare la strada in modo chiaro, ma anche per rompere il senso di impotenza che deriva dalla divisione. Se la tendenza al regime trova il suo alimento nella passività di massa della folla impotente che aspetta il miracolo, la costruzione di soggettività, di un percorso concreto di alternativa è il punto da cui partire, il passaggio decisivo e la condizione per modificare i rapporti di forza.
Non è un caso che il movimento No Tav, diventato in questi anni un punto di riferimento generale per le lotte nel nostro paese ben al di la’ dei confini della Val di Susa, abbia proprio queste caratteristiche: obiettivi chiari, capacità di critica, ma anche di proposte concrete, un movimento unitario nutrito da una forma democratica e partecipata.
Nella direzione della costruzione di una soggettività antagonista, tre sono i terreni di iniziativa politica immediata:
Innanzitutto occorre operare per costruire la più vasta mobilitazione sociale contro i provvedimenti del governo e la politica della commissione europea. Si tratta del punto decisivo di lavoro nelle prossime settimane, al fine di rovesciare le politiche del governo a partire dall’allargamento dei diritti del lavoro, dal blocco delle privatizzazioni per arrivare alla proposta della piena occupazione da raggiungersi attraverso un piano pubblico del lavoro. In questo contesto la richiesta sciopero generale contro la manomissione dello statuto lavoratori e la mobilitazione del pubblico impiego sono punti decisivi; non diciamo solo no ma abbiamo una posizione chiara: reperimento delle risorse trasferite alla rendita, estensione dei diritti a tutti i lavoratori, abolizione riforma Fornero e reddito sociale per i disoccupati.
In questo quadro è importante la manifestazione della Fiom di metà ottobre e dobbiamo impegnarci da subito per preparare la manifestazione promossa dalla lista Tsipras per il 29 di novembre. La nostra azione politica è finalizzata a rompere la passività sociale e a costruire concretamente il conflitto di classe nel paese , Solo nello sviluppo di questo conflitto è possibile costruire elementi di chiarificazione delle cause della crisi e delle strade attraverso cui uscirne.

In secondo luogo occorre fare un vero e proprio salto di qualità dell’azione culturale nella demistificazione dell’ideologia dominante e nella proposizione di una alternativa praticabile. Oggi ogni scelta politica viene giustificata in nome dell’emergenza economica che a sua volta viene presentata come un dato oggettivo e immodificabile. Si tratta di una vera e propria menzogna, di una ideologia che copre la realtà falsificandola. Rendere inefficace questa narrazione fatta dal potere – ed oggi egemone – sia mostrandone gli elementi menzogneri, sia avanzando proposte alternative concretamente praticabili è un compito non rinviabile. Senza la rottura del velo dell’ideologia dominante rischiamo di essere
relegati in un ruolo di pura e sterile propaganda. Da questo punto di vista la formazione politica dei compagni e delle compagne così come la riorganizzazione della comunicazione del partito deve produrre un deciso salto di qualità.

In terzo luogo dobbiamo operare per trasformare la lista Tsipras – che rappresenta il punto può avanzato di unità e proposta politica realizzato a sinistra dopo gli anni della sconfitta – in una vera e propria soggettività politica di sinistra antiliberista in sintonia con la Sinistra Europea.
Questo salto di qualità non è per nulla semplice né automatico e non tutti i soggetti che hanno dato vita alla lista condividono questa prospettiva. Per quanto ci riguarda Rifondazione ha esplicitamente avanzato ,dopo il positivo risultato elettorale di avviare la costruzione di una “Syriza” italiana fondata sul principio di una testa un voto. Riteniamo che ogni attendismo rischi di disperdere le energie e l’attenzione che L’Altra Europa ha suscitato e su questo invitiamo alla riflessione tutte le soggettività che con noi hanno lavorato a costruirla.
Costruire la sinistra
Per riuscire a trasformare la lista Tsipras nel soggetto unitario della sinistra, occorre agire a più livelli:
Innanzitutto consolidare e l’allargare l’area della lista attraverso pratiche democratiche e partecipate dei Comitati locali della lista. I Comitati devono divenire il punto di aggregazione degli uomini e delle donne di sinistra presenti sul territorio.
2. Addivenire ad una esplicita dichiarazione d’intenti relativa alla volontà di costruire un soggetto politico di sinistra. L’esigenza di costruire questo soggetto politico unitario non è solo dettata dalla condizione della politica italiana: è la vera domanda politica che alberga tanto tra i votanti della Lista Tsipras quanto all’interno dei Comitati. Si tratta quindi di trovare un percorso che riesca a costruire questa soggettività in modo inclusivo, democratico e partecipato. A tal fine il passaggio della manifestazione nazionale del 29 novembre è fondamentale. Infatti il passaggio dall’essere uno spazio di aggregazione ad essere un soggetto che fa politica non può avvenire solo attraverso una discussione interna a tratti estenuante e autoreferenziale ma deve passare attraverso atti politici che parlino al paese. Da questo punto di vista è evidente che la convocazione di una manifestazione di massa, pone immediatamente il problema della prospettiva politica, della risposta alla domanda di chi viene in piazza. Il pieno successo della manifestazione nazionale contro il governo è quindi il punto di passaggio obbligato per costruire l’opposizione politica al governo ma anche per dar vita sui territori ad un lavoro politico e di aggregazione della lista e per favorire la rottura degli indugi ad avviare un processo costituente che parta subito dopo la manifestazione.
ll rapporto tra Rifondazione Comunsita e la Syriza italiana
Quindi il lavoro politico del partito deve quindi articolarsi su questi tre livelli, sociale, politico e culturale, finalizzato alla costruzione e all’alimentazione del conflitto sociale, alla trasformazione della lista Tsipras in un soggetto unitario della sinistra antiliberista e alla battaglia culturale contro il pensiero unico e per proporre una alternativa.
Particolarmente rilevante è la discussione – dentro e fuori il partito – su quali rapporti debbano intercorrere tra la costruzione del soggetto unitario della sinistra e l’esistenza del Partito della Rifondazione Comunista. Per anni abbiamo infatti detto che Rifondazione era necessaria ma non sufficiente: oggi siamo alla prova dei fatti e dobbiamo approfondire questo nodo.
Partiamo da una prima approssimazione condivisa: il nostro progetto politico deve viaggiare su due gambe, il partito e la sinistra unita. Si tratta di una prima formulazione importante: tra partito della rifondazione comunista e soggetto unitario della sinistra non esiste contrapposizione, non esiste giustapposizione ma deve esistere una relazione in cui lo sviluppo di uno aiuti lo sviluppo dell’altro e viceversa.
E’ la registrazione di ciò che è avvenuto: senza Rifondazione non si sarebbero mai raccolte le firme per presentare alle elezioni Europee la lista Tsipras ma senza il percorso unitario Rifondazione non avrebbe mai superato lo il 4%. Lo stesso vale per la manifestazione di novembre: senza l’azione del PRC probabilmente non sarebbe mai stata decisa ma senza un contesto unitario Rifondazione da sola non sarebbe in grado di costruire una manifestazione di massa.
Ora vanno approfondite le condizioni e i termini della relazione fra rilancio di Rifondazione e nascita e sviluppo del soggetto unitario della sinistra.
Bisogna individuare innanzitutto quali sono i compiti di un soggetto unitario della sinistra affichè possa essere tale. Noi riteniamo che questo debba essere un soggetto politico plurale e democratico, dotato di un programma di fase, in grado di prefigurare una fuoriuscita dalle politiche neoliberiste e dalla crisi e di prefigurare l’alternativa. Un soggetto cioè in grado di presentarsi unitariamente alle elezioni e nel contempo di costruire attorno alla propria proposta politica la necessaria battaglia sociale, politica e culturale. Si tratta di costruire un polo politico della sinistra antiliberista, che sia chiaramente distinguibile nel panorama politico italiano e che sia in grado di dar luogo ad un processo di aggregazione. Un polo politico della sinistra antiliberista e quindi autonomo politicamente e portatore di un progetto alternativo alle altre proposte politiche oggi in campo.
Questo polo politico della sinistra non dovrebbe in nessun modo essere caricato di richieste ulteriori relativamente a caratterizzazioni culturali od ideologiche: non è un nuovo partito e non si basa su una comune ideologia. Nel polo della sinistra debbono poter lavorare insieme sulla base di un progetto comune non solo i diversi soggetti della sinistra ma devono convivere fisiologicamente diverse ideologie e appartenenze politiche, culturali e organizzative. A partire da un progetto politico e da regole condivise, il pluralismo e il rispetto delle differenze deve essere l’elemento costitutivo e fisiologico del soggetto politico della sinistra che vogliamo costruire.
In questo contesto qual’è il ruolo del Partito della Rifondazione Comunista oltre al partecipare con grande spirito unitario alla costruzione e allo sviluppo del soggetto unitario della sinistra?
Qual è il senso profondo, storico, che rende necessario il rilancio del processo della rifondazione comunista e il PRC?
A nostro parere i punti fondamentali sono i seguenti:
1) La necessità di avere una organizzazione politica comunista, un intellettuale collettivo, che contribuisca alla definizione di una analisi marxista della società sia per quanto riguarda il capitale sia per quanto riguarda la costruzione di una soggettività antagonista al capitale. In questo quadro il tema della formazione politica e dell’informazione sono punti assolutamente decisivi.
2) La necessità di avere una organizzazione politica comunista che affronti il nodo del superamento del capitalismo come punto fondamentale e necessario per permettere all’umanità di compiere un passo in avanti sulla strada della liberazione. Infatti l’attuale crisi segnala l’incapacità del capitalismo di usare positivamente la ricchezza che pure è in grado di produrre. Solo la fuoriuscita dal capitalismo e dalla logica del profitto può determinare le condizioni per una uscita compiuta dalla crisi intesa come pieno utilizzo della ricchezza economica e sociale per garantire a tutti e tutte una esistenza libera e dignitosa in un contesto non distruttivo della natura. Serve insomma una organizzazione politica che oltre a porre il problema dell’uscita da sinistra dal liberismo, avanzi la prospettiva della fuoriuscita dal capitalismo, cioè del comunismo.
3) La comprensione da parte di Rifondazione che l’attuale sistema politico elettorale – che giornalisticamente va sotto il titolo di Seconda Repubblica – è un avversario sistemico del movimento operaio e della costruzione dell’alternativa. Il bipolarismo come l’incorporazione del pareggio di bilancio in costituzione costituiscono fattori costituenti di questa seconda repubblica. La lotta per l’alternativa non si riduce quindi alla prospettiva della conquista di una maggioranza parlamentare ma prevede la battaglia per il superamento dell’attuale assetto istituzionale così come si è venuto definendo in Contrapposizione alla lettera e allo spirito della Costituzione nata dalla Resistenza.
4) La comprensione da parte di Rifondazione Comunista che la rappresentanza politica è solo una parte dell’azione politica comunista. Il tema della costruzione del soggetto dell’alternativa, dello sviluppo dell’autorganizzazione sociale e di una cultura altra, è il punto fondamentale della politica comunista. Questo riguarda l’individuazione delle contraddizioni del sistema capitalistico, l’analisi e la valorizzazione dei percorsi attraverso cui si può costituire ed esprimere una soggettività anticapitalista, la definizione di una battaglia politico culturale sui modelli sociali e sulla costruzione di un immaginario alternativo a quello prodotto dal mercato. In questo quadro il terreno elettorale deve essere delegato all’aggregazione unitaria della sinistra mentre il partito deve concentrarsi sugli altri aspetti sopra definiti.
Fare le cose sopra descritte non richiede solo la continuazione di Rifondazione Comunista ma richiede un deciso avanzamento del progetto politico della rifondazione comunista. Infatti oggi nonostante una analisi corretta e condivisa che vede lo spostamento del potere reale dal piano della democrazia rappresentativa ad altre istituzioni, troppo sovente il partito è concentrato per larga parte sulle sole dinamiche istituzionali. Si tratta quindi di modificare in profondità il nostro modo di funzionare sapendo che il punto fondamentale per un partito comunista non è quello di rappresentare un soggetto sociale già formato ma piuttosto quello di contribuire alla costruzione di un soggetto della trasformazione che riesca a scardinare ed a superare lo stato di cose esistenti.
A tal fine è necessario rilanciare con forza la campagna di tesseramento e di autofinanziamento del Partito e chiediamo a tutte le strutture di prodursi nel massimo impegno. In questo quadro la Direzione nell’auspicare che si tenga rapidamente la Conferenza nazionale dei Giovani Comuniste/i, decide che la Conferenza di organizzazione nazionale si tenga nei primi mesi del prossimo anno e che nel corso del mese di novembre si tengano su tutto il territorio nazionale le riunioni interregionali dei segretari di circolo e degli organismi dirigenti.
Appuntamenti nazionali di mobilitazione e di lotta:
E’ chiaro che l’obiettivo della riuscita della manifestazione di novembre è anche legata alla nostra capacità di costruire l’opposizione sociale,di valorizzare e collegare le lotte . Di fronte all’ attacco del Governo alla Costituzione, al lavoro alla scuola, al pubblico impiego, ai diritto all’abitare si stanno profilando scadenze e mobilitazioni che sono importanti in sé, ma anche come tappe di una possibile uscita dalla rassegnazione e dalla passività:
21 settembre – manifestazione a Firenze contro le guerre.
27 settembre – manifestazione nazionale a Roma in appoggio alle rivendicazioni del popolo palestinese.
4 ottobre – convegno su: Crisi del Capitalismo e rifondazione del comunismo.
8 ottobre – mobilitazione nazionale sindacale su pubblico impiego.
10 ottobre – Sciopero degli studenti e dei coordinamenti precari e dei sindacati di base contro la riforma Renzi Giannini.
10 ottobre – giornata internazionale contro gli sfratti per il diritto all’abitare.
11 ottobre – Giornata di mobilitazione STOP TTIP: diciamo no in tutta Italia.
18 ottobre – Manifestazione Fiom.
29 novembre – manifestazione nazionale lista Tsipras contro politiche governo e UE

22/9/2014
www.rifondazione.it

1 giugno 2014

Riteniamo che la possibilità di costruire una “Syriza italiana” rappresenti una conferma importante della linea politica che Rifondazione Comunista ha perseguito in questi anni e che ha trovato un primo punto di approdo nella campagna elettorale: il Prc è stato tra le forze fondatrici della Sinistra Europea e che più hanno investito, in questi anni, in questo progetto; da tempo lavoriamo perché possa prendere piede anche in Italia un polo della sinistra autonomo e alternativo anche al centrosinistra; per primi, in Europa, abbiamo avanzato la candidatura del compagno Alexis Tsipras alla presidenza della commissione europea a tutte le forze della Sinistra Europea.

ORA COSTRUIAMO LA “SYRIZA ITALIANA”

Il voto del 25 maggio è segnato in tutta Europa dalla sofferenza sociale causata dalle politiche di austerità praticate da popolari, liberali e socialisti.
Il segno prevalente è il malessere dei popoli europei rispetto alle conseg...uenze delle politiche di austerità assunte in sede europea in questi anni, che hanno aggravato la crisi, e rispetto ai governi e alle maggioranze, subalterne al neoliberismo .
A fronte di questo risultato, le classi dirigenti europee rappresentate dal Partito Popolare e dal Partito Socialista intendono rispondere coniugando la prosecuzione di politiche a tutela dei profitti, delle rendite finanziarie e delle banche con la costruzione di una strategia di recupero del consenso popolare. In questa direzione si muovono le proposte di proseguire le politiche neoliberiste allentando le politiche di austerità che hanno già determinato una drastica riduzione dei livelli di copertura del welfare e dei diritti dei lavoratori.
In tal senso il successo del Partito Democratico di Renzi – che con una mano eroga il bonus di 80 euro al mese ad ampi settori della popolazione, e con l’altra continua nell’azione ben più pesante e strutturale di taglio della spesa pubblica e sociale, nelle privatizzazioni, nella precarizzazione del mondo del lavoro, nella salvaguardia del sistema bancario nonché nel mantenimento della controriforma Fornero delle pensioni – si pone come punto di riferimento possibile per una declinazione "blairiana" delle politiche liberiste.
In questo contesto, esprimiamo la nostra piena soddisfazione per il risultato positivo ottenuto dalle forze aderenti al partito della Sinistra Europea e al Gue-Ngl, che hanno posto al centro della proposta politica e della campagna elettorale l’opposizione alle politiche di devastazione sociale praticate da popolari e socialisti; il rifiuto netto della logica delle “larghe intese”; il ruolo delle lotte, del conflitto sociale e la prospettiva della ricostruzione del movimento operaio anche al di là dei singoli confini nazionali.
Il rafforzamento della sinistra europea e lo sviluppo del conflitto di classe rappresentano l’anticorpo e l’alternativa più credibili all’avanzata inquietante delle forze neonaziste e neofasciste che, proprio sul terreno della destrutturazione sociale causata dalla crisi, puntano a rilanciare un “nuovo” nazionalismo fondato sull’egoismo sociale, sul razzismo, sull’esaltazione delle “piccole patrie”.
Il superamento del quorum da parte della lista L’Altra Europa con Tsipras è a sua volta – dato il quadro italiano – un risultato importante e positivo: dopo anni di resistenza e di sconfitte elettorali sul piano nazionale, torna ad eleggere la sinistra che si presenta al fuori di alleanze con il Partito Democratico.
La lista L’altra Europa con Tsipras non è stato solo un fatto elettorale. In questi mesi, attorno alla costruzione della lista, vi è stata una significativa mobilitazione unitaria a sinistra – all’interno della quale ci siamo mossi con nettezza, convinzione e generosità – per raccogliere le firme prima, per fare la campagna elettorale poi.
Proponiamo quindi di operare un salto di qualità e di costruire la “Syriza italiana”, all'interno della Sinistra Europea, ponendo al centro l'alternativa alle politiche di austerità e neo-liberiste, e alle forze e alle coalizioni che le sostengono.
Proponiamo che il processo di costruzione di tale soggetto della sinistra unitaria e plurale non avvenga in modo verticistico e pattizio, ma partecipativo ed inclusivo di tutte le persone concordi con gli obiettivi unitari. L’obiettivo è la costruzione di un soggetto politico della sinistra fondato sulla base del principio "una testa un voto"; che il soggetto unitario abbia piena titolarità sulla rappresentanza elettorale; che forze organizzate, locali e nazionali, che scelgano di attivarsi per il processo unitario senza sciogliersi, s'impegnino a non esercitare vincoli di mandato ed a garantire la libera scelta individuale nell'adesione al nuovo soggetto politico da parte dei propri iscritti e iscritte.
Proponiamo, nello specifico:
- la prosecuzione e l'ampliamento dell'attività dei comitati locali de L'Altra Europa anche attraverso la convocazione di assemblee popolari e territoriali della sinistra;
- una campagna contro l’attacco eversivo di Renzi alla democrazia; attacco che passa sia attraverso la proposta di una nuova legge elettorale di chiaro segno autoritario sia attraverso il varo di una stagione più generale di controriforme.
Riteniamo che la possibilità di costruire una “Syriza italiana” rappresenti una conferma importante della linea politica che Rifondazione Comunista ha perseguito in questi anni e che ha trovato un primo punto di approdo nella campagna elettorale: il Prc è stato tra le forze fondatrici della Sinistra Europea e che più hanno investito, in questi anni, in questo progetto; da tempo lavoriamo perché possa prendere piede anche in Italia un polo della sinistra autonomo e alternativo anche al centrosinistra; per primi, in Europa, abbiamo avanzato la candidatura del compagno Alexis Tsipras alla presidenza della commissione europea a tutte le forze della Sinistra Europea.
Siamo stati in grado di contribuire alle liste, nelle diverse circoscrizioni, avanzando candidature espressione del nostro partito e al contempo di vertenze, movimenti e lotte: a partire dai compagni Eleonora Forenza e Fabio Amato, coordinatore della campagna elettorale per la Sinistra Europea, le nostre candidate e i nostri candidati hanno ottenuto risultati positivi e significativi. E' questo il segno del consenso ottenuto da Paola Morandin, Nicoletta Dosio, Simona Lobina, Antonio Mazzeo e da tutte le compagne e i compagni presenti nella lista. Segno anche di una mobilitazione e dell’impegno della larga maggioranza delle compagne e dei compagni del partito nel dare attuazione alle indicazioni discusse e decise negli organismi.
L’investimento nel processo di costruzione della sinistra deve quindi procedere di pari passo con l’investimento nel rafforzamento e nel rilancio di Rifondazione Comunista. Riteniamo che sia necessaria oggi più che mai la presenza di una forza politica come lo nostra che si ponga il fine di collegare - attorno all’obiettivo dell’uscita dal capitalismo in crisi - le lotte e le istanze di cambiamento e di liberazione che nascono, crescono e si coagulano nella società; il contrario cioè di un processo liquidatorio.
Riteniamo che un rinnovato progetto della rifondazione comunista possa essere il terreno di ricomposizione di tutte le comuniste e i comunisti che vogliono costruire la Syriza italiana e superare i rapporti di produzione capitalistici. Avanziamo quindi questa proposta a tutti i compagni e le compagne interessate e ci impegniamo a perseguire questo obiettivo.
Al fine di rilanciare e rafforzare l’azione di Rifondazione Comunista proseguiremo con gli impegni già assunti:
•la conferenza nazionale di organizzazione;
•il completamento dei congressi regionali entro la fine di giugno;
•la campagna di autofinanziamento;
•l’attività di formazione e l’individuazione di adeguati strumenti di informazione/comunicazione;
Un appuntamento di discussione approfondita sulle questioni del lavoro e del sindacato.

Riteniamo sia centrale, inoltre, proseguire e rafforzare la nostra iniziativa politica su alcuni grandi questioni che hanno a che fare con i danni causati dalle politiche di austerità:
•il piano per il lavoro e la conversione ecologica dell’economia e la nostra opposizione al Jobs Act;
•il tema del diritto all'abitare e la nostra opposizione al piano Lupi;
il sostegno attivo alla campagna Stop TTIP (Translatantic Trade and Investment Partnership);
•l'adesione alle manifestazioni nazionali del 28 giugno a Roma e dell'11 luglio a Torino, e alle mobilitazioni e a tutte le iniziative che, durante il semestre europeo di presidenza italiana, contesteranno l'Europa dell'austerità e del neo-liberismo per dare corpo all'idea dell'altra Europa.
•A mobilitarsi contro la guerra in Ucraina e la complicità di Usa e Ue con il governo di Kiev e con le forze neonaziste che lo sostengono, in solidarietà con le forze di sinistra, comuniste e antifasciste ucraine.
Le Feste di Liberazione sono un’occasione in cui organizzare iniziative e diffondere materiali su tali importanti temi.
Aderiamo all'importante manifestazione nazionale “Per un'Italia libera e onesta. Ripartiamo dalla Costituzione” che si terrà domani, lunedì 2 giugno a Modena, a difesa della democrazia e contro lo smantellamento dei principi costituzionali.
 
Documento approvato
con la maggioranza assoluta
dal Comitato Politico Nazionale
di Rifondazione Comunista

del 31/5 e 1/6 2014

8 maggio 2014

Buon 10° compleanno, Sinistra Europea!

 

«Il 9 maggio – dichiarano Paolo Ferrero, segretario nazionale di Rifondazione Comunista, e Fabio Amato, del segretariato della Sinistra Europea e candidato dell’Altra Europa con Tsipras – celebreremo il 10° anniversario della fondazione del Partito della Sinistra Europea, la formazione politica continentale che candida Alexis Tsipras a Presidente della Commissione UE e che fu fondata proprio a Roma il 9 maggio 2004. Ne fanno parte 28 formazioni politiche di tutto il continente e il suo gruppo parlamentare, il GUE, potrebbe diventare il terzo gruppo nel prossimo Parlamento europeo. Da sempre ha contrastato la costruzione neoliberista dell’Unione Europea, il suo carattere a-democratico e si batte per una rifondazione democratica e sociale dell’Europa».

Questo il programma della giornata:
 
Mattina del 9 Maggio, dalle 10 alle 12.00 hotel Nazionale in Piazza Montecitorio
Tavola rotonda

9 Maggio 2004- 9 Maggio 2014 Sinistra Europea, dieci anni dopo, le sfide per cambiare l’Europa”

con
Pierre Laurent-segretario nazionale PCF-Front De Gauche, Presidente Partito della Sinistra Europea

Maite Mola – PC Spagna, Izquierda Unida, Vice Presidente del Partito della Sinistra Europea
Paolo Ferrero – Segretario Nazionale PRC
Fabio Amato – Segretariato Sinistra Europea, responsabile Esteri PRC-candidato l’Altra Europa con Tsipras
Stelios Pappas – Coordinatore Dipartimento Europa Syriza
Walter Pomar – PT Brasile
Alfonso Gianni – fondazione Cercare ancora
Roberto Musacchio -  Associazione Altramente
Eleonora Forenza – segreteria PRC candidata l’Altra Europa con Tsipras
Toni Barbara- Ezquierda unida y alternativa Catalogna
coordina Giovanna Capelli – esecutivo Sinistra europea
Messaggio di Fausto Bertinotti
 
**************************
 
ore 12 CONFERENZA STAMPA: Le proposte della sinistra Europa contro l’austerità:
conferenza sul debito e piano per il lavoro.
 
**************************
 
dalle ore 18 alle ore 24 in piazza Campo dei Fiori
9 maggio 2004- 9 Maggio 2014 Buon compleanno Sinistra Europea
Basta austerità, basta neoliberismo: costruiamo l’Europa Sociale

 
Interventi di
FABIO AMATO coordinatore campagna sinistra europea per tsipras-candidato l’altra europa con tsipras
PAOLO FERRERO segretario nazionale PRC

PIERRE LAURENT segretario nazionale PCF- Front de Gauche Francia-Presidente Sinistra Europea
MAITE MOLA PCE- Izquierda Unida Spagna-vicepresidente SInistra Europea
STELIOS PAPPAS - Coordinatore Dipartimento Europa  Grecia
BARBARA SPINELLI- l’altra europa con Tsipras

WALTER POMAR PT Brasile
ELEONORA FORENZA-segreteria PRC candidata l’altra europa con Tsipras
CONCERTO DEI SEIOTTAVIrinogaetanotributeband

 
www.european-left.org;

7 maggio 2014
 

4 maggio 2014

Il rito funebre dell'orrenda controfigura del sindacato di Giuseppe Di Vittorio al servizio degli sfruttati. Dopo alcuni decenni di lamentoso servizio offerto agli sfruttatori e ai loro rappresentati politici degli ultimi governi, con questo congresso la Cgil usa l'autocertificazione per dichiararsi ente inutile (sulla scia di Cisl e Uil), e dannoso...... per i lavoratori stabili, i precari, i pensionati, i disoccupati! Il Che Fare di tanti come noi che ancora rappresentano sui luoghi di lavoro la genuina ragione sociale della Cgil

L'inutile congresso della Cgil e la fine del sindacato confederale! 

Come tutti i congressi sindacali degli ultimi anni, anche quello della Cgil, che si apre il 6 maggio a Rimini, sarà l’ennesimo stanco e inutile rituale. Eppure una sua particolarità questo appuntamento ce l’ha. E’ il primo dopo l’attraversamento dell’occhio del ciclone della crisi economica. Ci si sarebbe aspettato, da un sindacato che ama "fare il suo mestiere” una puntuale valutazione sugli effetti e, se possibile, anche un bilancio sull’azione del più grande sindacato dei lavoratori. E invece sarà la solita vetrina con parole buttate lì tanto per dire che “la casta non molla”. I titoli dei giornali saranno per gli ospiti, Mauro Moretti e, forse, il presidente del Consiglio Renzi, per qualche scaramuccia tra Camusso e Landini, peraltro già ampiamente consumata.

Un congresso inutile, che non ragiona sulla sconfitta della Cgil
La prima ragione di questo buco nella riflessione è che in realtà una vera e propria “azione” del sindacato non c’è stata. Non è tanto per le ore di sciopero e per le piattaforme costruite. E’ per quella scelta strategica tutta concentrata nella ricerca della sponda politica. Il risultato è stato lo zero assoluto. Sia con il governo Berlusconi che con gli altri, per finire con quello di Renzi, che ha addirittura sancito la fine di ogni “autorità salariale” la Cgil ha collezionato una serie impressionante di niet.

Con il centrosinistra in versione "Re Giorgio", è arrivata la certificazione della fine della busta paga. Ora c’è la carità. Patetico il richiamo ieri da Pordenone di Camusso Angeletti e Bonanni alla “fine degli effetti annuncio” da parte di palazzo Chigi. Gli annunci Renzi l’ha finiti da un pezzo. Ora è passato ai fatti. E i fatti sono sotto gli occhi di tutti: il sindacato serve solo a “portare la parola” dell’esecutivo tra i lavoratori. Sempre che i lavoratori lo vogliano ascoltare. Anche questo, infatti, dopo i congressi di base della Cgil non è più vero. E arriviamo qui all'altra nota dolente.

Accordo del 10 gennaio: l'ultraminoranza sindacale ha deciso per tutti
La Cgil presentandosi nei luoghi di lavoro è riuscita a racimolare una vera e propria “ultraminoranza” rispetto al numero degli iscritti. La controprova arriva dal voto al referendum sull’accordo del 10 gennaio, dove a deporre la scheda nell’urna sono stati appena 450mila lavoratori e lavoratrici. Fatte le dovute proporzioni, se anche gli iscritti di Cisl e Uil avessero votato, questo accordo sarebbe passato al massimo con poco meno di un milione di voti a favore, ad essere generosi. Un po’ poco, anzi decisamente inquietante, rispetto ai 24 milioni di lavoratori italiani, tra precari e dipendenti. Una esigua minoranza di meno del 5% ha deciso per le sorti della stragrande maggioranza su un accordo che se da una parte mette un freno alla presunzione delle aziende a decidere il proprio interlocutore, dall’altra paga il prezzo altissimo dell’esclusione di un’ampia fetta, quella di base, dalla rappresentanza. E lo fa nel modo più odioso, quello dell’autoreferenzialità. Questa sì che è una casta. Non era meglio, sulla rappresentanza, fare una legge? No, perché questo, sempre nella logica della strategia politica sopra delineata, avrebbe creato qualche problema di unità "interna" tra Cgil e Cisl.

Al di là delle polemiche, è chiaro che di per sé questo accordo rappresenta un altro segno della crisi del sindacato. E non è un caso che proprio su questo punto si consumerà lo scontro interno tra Cgil e Fiom. I metalmeccanici di Maurizio Landini sono in difficoltà, ma questo non vuol dire che accetteranno qualsiasi condizione posta dalla maggioranza, anzi. E né questa volta la soluzione possibile sarà una “equa” distribuzione degli incarichi dirigenziali.

La fine del sindacato confederale
Ma a preoccupare non è tanto la fine della Cgil, che comunque troverà il modo di sopravvivere a se stessa visto che l’accordo del 10 gennaio le regala una bella rendita di posizione. A preoccupare è la fine del sindacato confederale, che è poi l’essenza e la “ragione sociale” profonda del sindacato stesso. Stiamo parlando di unità dei lavoratori, ovvero del mestiere del sindacato, la cui radice etimologica è “stare insieme con giustizia”. Si va a grandi passi verso il modello Cisl, ovvero l’associazione dei lavoratori che somiglia sempre di più ad una agenzia di servizi. Il sindacato è solo un ragioniere che mette insieme le pratiche e le inoltra alla controparte.
La concertazione aveva decretato la fine della possibilità di mettere bocca nelle condizioni del lavoro e in gran parte della materia normativa. Oggi è finita anche l’era del salario, che la concertazione in qualche modo riusciva ancora a definire limitatamente ad alcune componenti. Il salario è finito. Oggi c’è la carità, nel perfetto equilibrio con il lavoro precario, a sua volta destrutturato dal lavoro volontario, come dimostra il caso clamoroso dell’Expo di Milano.

Ed ora tocca al pubblico impiego, guerra epocale
C’è da dire che proprio Susanna Camusso aveva fatto promesse mirabolanti proprio sul lavoro precario. Avrà il coraggio di un po’ di autocritica oppure continuerà nella stanca liturgia del destino “cinico e baro”?
Se nel lavoro privato la guerra è stata già combattuta, si tratta di contare i morti e i feriti sfruttando al massimo una fase, brevissima, di relativa calma, nel pubblico impiego si stanno concentrando le truppe per l’assalto finale. Qui il tema della carità salariale è ancora più cogente. E’ qui che il Governo dovrà produrre risultati concreti con l’arma della spending review. L’esecutivo è il dittatore assoluto di una “politica economica” combattuta a forza di tagli. E il capitolo più rilevante sono i tre milioni e passa di lavoratori. Ovviamente, non è vero che non ci saranno licenziamenti. Ma il punto non è questo. Il punto è capire come riuscire a contrastare una autorità che in forza della legge agirà come un bulldozer. Il punto è l’efficienza? Bene, ma chi decide? Decide Renzi. Ecco lo schema sostanziale di quello che accadrà nei prossimi mesi.


Fabio Sebastiani
4/5/2014 www.controlacrisi.org